1 June 2012 3:03 AM, PDT | indie-eye.it | See recent indie-eye.it news »

Dopo aver affascinato le platee della Mostra del Cinema di Venezia, nel 2010 (premio Osella per il miglior Contributo Tecnico, premio Fipresci della Critica Internazionale, premio della critica online il Mouse d’Oro) finalmente arriva in Italia, in 30 copie, l’opera del russo Aleksej Fedorchenko, Silent Souls, a detta di molti il vincitore morale del concorso veneziano. [ N.d.r. Leggi due opinioni a confronto su indie-eye.it; la recensione di Diego Baratto e quella di Michele Faggi]

Un’uscita resa possibile grazie a Microcinema, una casa di distribuzione di cui si sentirà parlare spesso in futuro, la quale sta sviluppando un interessante e coraggioso progetto di diffusione del cinema d’autore, troppo spesso soffocato dalla valanga di blockbuster. Per l’occasione, il regista si è concesso per una breve conferenza stampa al cinema Plinius di Milano, di cui riportiamo un resoconto.

In questo film a Lei interessava più il discorso della conservazione della propria comunità e delle proprie radici, oppure il rapporto con la morte e con la sua elaborazione emotiva attraverso la cura del corpo? »

- Diego Baratto

Report a problem



Similar News Items

Pier Paolo Pasolini
Arabian Nights (1974)
The Canterbury Tales (1972)


IMDb.com, Inc. takes no responsibility for the content or accuracy of the above news articles, Tweets, or blog posts. This content is published for the entertainment of our users only. The news articles, Tweets, and blog posts do not represent IMDb's opinions nor can we guarantee that the reporting therein is completely factual. Please visit the source responsible for the item in question to report any concerns you may have regarding content or accuracy.

See our NewsDesk partners