16 May 2012 7:47 AM, PDT | BadTaste.it | See recent BadTaste.it news »

Più intimo, più personale, più narrativo ma sempre con il medesimo umorismo e approccio visivo. Stavolta Anderson può anche commuovere...

Quando hai uno stile così distinguibile, netto, inesorabile e personale come quello che Wes Anderson sbandiera la cosa più facile in assoluto è ripetersi all'infinito.

Ripetere le proprie trovate visive e declinare sempre i medesimi temi in storie solo leggermente diverse, interpretate quasi sempre dai medesimi attori (o da altri truccati per somigliargli). Per questo la forza di Moonrise Kingdom sta in come Anderson faccia un piccolo passo avanti e un piccolo passo di lato.

Si tratta di un film di ribellismo, molto di più che in passato, fino a ricordare a un certo punto ricorda La rabbia giovane (ma senza rabbia e con distaccata disillusione), e uno in cui il romanticismo individuale dei due protagonisti (unici e assoluti, non capitava da Rushmore) è limpido e cristallino. Due ragazzi incompresi »

- Gabriele Niola

Report a problem



Similar News Items

Wes Anderson (I)
Moonrise Kingdom (2012)
Rushmore (1998)


IMDb.com, Inc. takes no responsibility for the content or accuracy of the above news articles, Tweets, or blog posts. This content is published for the entertainment of our users only. The news articles, Tweets, and blog posts do not represent IMDb's opinions nor can we guarantee that the reporting therein is completely factual. Please visit the source responsible for the item in question to report any concerns you may have regarding content or accuracy.

See our NewsDesk partners