15 May 2012 4:26 AM, PDT | ScreenWeek.it | See recent ScreenWeek.it news »

Il fascino del mito, e di una sensualità dirompente rivestita di ingenuità e fragilità. Ancora oggi, a cinquant’anni dalla sua prematura scomparsa, Marilyn Monroe non è solo un’icona, il ritratto a colori accesi del divismo e della Hollywood che fu: rimane un personaggio complesso ed enigmatico, di cui si ha l’impressione di conoscere tutto e nulla. Una star divorata velocemente dalla fama, ma anche una figura di donna attraversata da una profonda malinconia. Ed è proprio su questi tratti della sua leggenda che torna a puntare il film di Simon Curtis intitolato My week with Marilyn, e divenuto in Italia semplicemente (forse troppo semplicemente) Marilyn.  Nonostante l’opera sia a sfondo biografico, l’oggetto del racconto non è l’intera tormentata esistenza dell’attrice, ma un punto preciso nella sua storia personale e professionale, narrato attraverso gli occhi di uno dei tanti uomini che caddero irrimediabilmente vittima »

- laura.c

Report a problem



Similar News Items

Emma Watson (II)
Michelle Williams (I)
Kenneth Branagh


IMDb.com, Inc. takes no responsibility for the content or accuracy of the above news articles, Tweets, or blog posts. This content is published for the entertainment of our users only. The news articles, Tweets, and blog posts do not represent IMDb's opinions nor can we guarantee that the reporting therein is completely factual. Please visit the source responsible for the item in question to report any concerns you may have regarding content or accuracy.

See our NewsDesk partners